Skip to main content

Posts

Finalmente Notepad++ Plugin Manager x64

Arriva infine su windows il plugin manager a 64 bit di notepad++!


Vi siete trovati senza plugin quando per errore avete installato la versione a 64 bit del miglior editor open source di testo per windows?

Eravate rimasti sgomenti dal fatto che nell'installer il plugin manager non è più incluso?



Non sapevate più come indentare i vostri JSON e XML, come decodificare l'encoding delle URL o come confrontare in velocità due files?
Beh ecco a voi come ripristinare il plugin manager!


Recent posts

Walking Skeleton

Letteralmente "scheletro che cammina", è solo un "termine contenitore" atto ad individuare una soluzione a vari problemi comuni nello sviluppo software; non mi riferisco quindi necessariamente al concetto riconosciuto nelle scienze dell'informazione da molto tempo, anche se sono applicabili le prime definizioni che comparivano negli studi del 1975 di Basili, V.R. e Turner, A.J. DOI: 10.1109/TSE.1975.6312870 che potete leggere nel seguente pdf.


Cosa intendo? L'insieme degli step tecnici (senza valore per il cliente finale), necessari ad avere un un sistema complesso interconnesso senza implementazioni reali al suo interno. E' la struttura minima necessaria per identificare i futuri contenitori di logica.

c# 6 e l'operatore di propagazione del null ?.

In C# 6 è presente un nuovo meraviglioso operatore, syntactic sugar introdotto per eliminare costrutti semantici ridondanti inerenti il controllo dei valori null:

Null propagatorOperatore che permette di passare il valore di una proprietà senza fare check espliciti sull'oggetto che la contiene. Andiamo a vedere cosa vuol dire questo operatore...

Automazione su Windows: Chocolatey

Oggi è uscito un gran bel pezzo di software: Chocolatey v0.9.9.1 (link al commit su github).
Per questo ho deciso di accennare ad un tipo di automazione informatica oggi; un termine di cui si parla troppo poco in Italia, dove i settori dove usualmente si utilizza sono quelli della meccanica ed elettronica. Partiamo dalla definizione:
IT automationUnione di software e sistemi separati atta a renderli in grado di gestirsi e regolarsi da soli.
Certo, per chi conosce i termini potrebbe risultare una ripetizione: automazione dell'informazione automatica, eppure il numero di operazioni ripetitive da compiere al PC per ognuno di noi sta diminuendo sempre più grazie all'automatizzazione, che sta aumentando vertiginosamente.

Compiti tediosi come aggiornare il proprio software, assicurarsi che ci sia sempre una versione salvata del proprio file da qualche parte o avere una serie di regole per filtrare efficacemente le email di spam fanno parte di questa definizione.

Guida ultraveloce per Haskell su Lubuntu

A volte i fondamentali, sopratutto per i linguaggi di programmazione meno conosciuti, sono d'obbligo.

Ecco quindi cosa ho ottenuto con 10 minuti di:
An introduction to Functional Programming Through Lambda Calculus (scarica il PDF o compra il libro)VimLubuntu 14.10

Code Pride - Fiero del mio codice

Essere fieri del proprio codice è difficile (e controproducente se si è egotici) per un programmatore: spesso è brutto, fatto in fretta, per necessità abbozzato e mai più rivisto. Senza considerare poi che il codice vero e proprio lo vedranno poche persone, e che più spesso verrà usato da persone che dovranno solo manutenerlo, e per questo ti odieranno.

Facendo quindi una conta sommaria di quello che in 13 anni di lavoro può succedere se ne fanno tante:
Scrivere codice orribileLavorare con codice orribileUsare software orrendo (visual source safe su tutti)Appassionarsi di concetti che non userai maiGarantire retro-compatibilità a dir poco "tediose"Odiare il proprio hardwareOdiare l'hardware dei clientietc Ma per quanto la somma di tutti questi fattori possa andare al positivo o al negativo, nella mia vita di programmatore posso dire che una cosa è stata più importante di tutte le altre: